Autoipnosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
e per mezzo dell'ipnosi lo spirito cosciente fosse indotto al sonno e fosse al tempo stesso risvegliata la sua parte subcosciente, il problema sarebbe risolto, le carceri della mente spalancherebbero le loro porte e i prigionieri ritornerebbero alla luce del sole. (Jack London) L'ipnosi un fenomeno psicosomatico che coinvolge sia la dimensione fisica, sia la dimensione psicologica del soggetto. una condizione particolare di funzionamento dell'individuo che gli consente di influire sulle proprie condizioni sia fisiche, sia psichiche e sia di comportamento.
In particolare "oggi sappiamo che l'ipnosi non altro che la manifestazione plastica dell'immaginazione creativa adeguatamente orientata in una precisa rappresentazione mentale, sia autonomamente (autoipnosi), sia con l'aiuto di un operatore con il quale si in relazione". inoltre opportuno differenziare i termini: ipnosi e ipnotismo, intendendo con "ipnosi" lo stato particolare, psicofisiologico (trance) del soggetto e con "ipnotismo" la metodica e le tecniche impiegate dall'ipnotizzatore per realizzare l'ipnosi.
Attraverso l'ipnosi o l'autoipnosi è possibile accedere alla dimensione inconscia ed emotiva del soggetto.
In termini scientifici di solito si tende a restringere il campo di definizione dell'ipnosi alla gestione consapevole di tale processo.
Attualmente l'ipnosi impiegata scientificamente nella ricerca clinica e in ambito terapeutico (ipnositerapia da non confondere con ipnoterapia che riguarda la terapia del sonno).
Definizione
Nella XIV edizione dell'Enciclopedia Britannica, anno 1954, venne pubblicata una delle prime definizioni di ipnosi su base scientifica.
L'autore era Milton H. Erickson (1901-1980), uno psichiatra diventato famoso soprattutto per i suoi studi sull'ipnosi clinica (ha pubblicato complessivamente oltre 150 articoli sull'argomento nell'arco di 60 anni di lavoro e ricerca).
Erickson ha definito l'ipnosi come un tipo molto particolare di comportamento complesso e insolito, ma normale, che in condizioni opportune pu essere sviluppato probabilmente da tutte le persone comuni e anche dalla gran parte di quelle che hanno problemi di salute.
Si tratta principalmente di una speciale condizione sia psicologica sia neuro-fisiologica nella quale la persona funziona in un modo speciale, un modo in cui la persona pu pensare, agire, e comportarsi come nel normale stato di coscienza o anzi anche meglio, grazie all'intensit della sua attenzione e alla forte riduzione delle distrazioni.
In questa situazione focalizzata la persona che sta funzionando ipnoticamente non solo mantiene la capacit di usare la volont o la ragione, ma dimostra anche di essere meno manipolabile, al punto che non in alcun modo possibile costringerla ad agire contro il suo volere.
Anzi, gli stessi fallimenti dell'ipnositerapia dimostrano che a volte difficile persino raggiungere gli obiettivi che pure si desiderano fortemente. La sola relazione ipnotica utile (tra ipnotista e soggetto ipnotico) quindi quella basata su una profonda e sincera collaborazione al fine di raggiungere gli obiettivi personali dell'interessato.
Dato che l'esperienza ipnotica molto individuale, essa mantiene un carattere inesplicabile e affascinante, ma per questo stesso motivo continua a rimanere esposta a ciarlatani di ogni genere e anche a sperimentatori con buone intenzioni ma privi di una competenza ipnotica sufficiente.
Ci vale anche per chi opera in ambito clinico con l'ipnosi (infermieri, operatori sociali, ipnologi-hypnotherapist, counselor, medici, psicologi, terapeuti, e personale paramedicale).
Ad esempio, nell'ipnosi l'eventuale processo terapeutico non dipende affatto dalle parole o dalle azioni dell'operatore, come comunemente si crede, ma deriva interamente da una riorganizzazione interna che solo il paziente medesimo pu portare a termine in un ambiente favorevole (Erickson, 1948).
Inoltre l'esperienza ipnotica straordinariamente più importante e riabilitante di qualsiasi ingiunzione o suggerimento (Erickson, 1944). Infine, ci che si sviluppa in trance deriva dalle attività del soggetto ipnotico e non dalle suggestioni (Erickson, 1948), e inoltre l'operatore non può controllare n la trance n i fenomeni ipnotici (Erickson, 1962 e 1967).
Etimologia
Il termine "ipnosi" (dal greco "hypnos", sonno) fu introdotto da James Braid nella prima met del 1800 per le analogie che a quel tempo sembravano esserci fra le manifestazioni del sonno fisiologico e quelle che si avevano in quella condizione particolare che si pensava creata dai magnetizzatori.
Oggi sappiamo che il sonno non ha nulla a che fare con l'ipnosi. Il termine "ipnosi" non certo quello pi adeguato per sintetizzare e descrivere quanto avviene in quella condizione particolare di funzionamento dell'organismo umano detta ipnosi. In detta condizione sono coinvolti aspetti neuro-psico-fisiologici particolari, una relazione interpersonale, e l'impiego di potenzialit specifiche del soggetto (lo stesso Braid nel 1847 sostituì il termine ipnosi con monoideismo).
Diverse sono ancora oggi le teorie e le interpretazioni del fenomeno che si confrontano. In termini neurofisiologici l'ipnosi viene interpretata come condizionamento, apprendimento, inibizione ed eccitazione corticale e in termini psicologici, interpretata come rapporto interpersonale, come suggestione, come gioco di ruoli, come regressione e come transfert; e alcuni addirittura sostengono che l'ipnosi non esista in quanto per spiegare i fenomeni osservati non necessario ricorrere al concetto di ipnosi.
Tutti punti di vista plausibili e tutti rientranti in ci che oggi sappiamo essere l'ipnosi. L'ipnosi non altro che "la manifestazione plastica dell'immaginazione creativa adeguatamente orientata".
Quest'ultima la definizione fatta propria dal CIICS (Centro Italiano di Ipnosi Clinica e Sperimentale).Con la conoscenza sempre pi approfondita del fenomeno, nel tempo, sono stati proposti da autori diversi neologismi sostitutivi del termine "ipnosi", ma nessuno finora ha avuto fortuna come il vecchio termine. Il concetto che si avvicinava molto a quello che oggi si pensa sia l'ipnosi, forse quello proposto da A. Romero nel 1975 di "eidosi", fatto derivare dal greco idos (aspetto, figura)Un termine pi adeguato a definire il fenomeno certamente geniosi, termine composto da "genio" dal latino genius, sanscrito gnya ("forza naturale", dalla radice gn: generare, produrre), e dal suffisso osi che aggiunto a sostantivi o a confissi, forma sostantivi che indicano un processo, una condizione.In sintesi con geniosi viene intesa quella forza naturale dell'immaginazione creativa che produce effetto attraverso un dinamismo che pu essere consapevolmente gestito.
Storia
L'ipnosi intesa come potenzialità della mente umana pare essere impiegata fin dall'antichità; Charles Arthur Muss (1972) scrive di aver trovato un'antica registrazione di una seduta ipnotica nella incisione di una stele egiziana risalente al regno di Ramesse XI della XX dinastia (circa 3.000 anni fa)
Prima delle ricerche di Franz Anton Mesmer (1734 - 1815) tutti i fenomeni che oggi possono essere fatti rientrare in specifiche potenzialità dell'immaginazione erano considerati isolatamente come manifestazioni divine o diaboliche, oppure il risultato di pratiche magiche.
Mesmer ul la teoria del magnetismo animale (1779), ma tale teoria fu condannata dall'Accademia delle Scienze e dalla Facolt di Medicina di Parigi (1784).
Un'importante revisione delle teorie di Mesmer fu proposta dal medico inglese James Braid (1785-1860). Braid diede un'interpretazione fisiologica al fenomeno studiato e introdusse il termine ipnosi, derivato dal greco ypns sonno.
Gli sviluppi successivi di interpretazione dell'ipnosi si devono ai lavori di Ambroise-Auguste Libeault (1823-1904), un medico di Nancy e di Hippolyte Bernheim (1837-1919) famoso neurologo parigino che insieme fondarono la Scuola di Nancy.
La scuola di Nancy si trov a dover opporre studi e teorie sull'ipnosi, alla scuola di Jean-Martin Charcot (1825-1893) che operava all'Ospedale della Salptrire di Parigi.
Mentre per la scuola di Nancy l'ipnosi era un fenomeno psicologico normale e tutti i suoi fenomeni potevano essere spiegati con la suggestione, Jean-Martin Charcot considerava l'ipnosi un fenomeno patologico, una nevrosi isterica artificiale.
Di ipnosi si occup anche Sigmund Freud (1856-1939) ma la transitorietà dei risultati terapeutici, la laboriosit dei procedimenti ipnotici, la limitazione delle applicazioni terapeutiche e, forse non ultima, l'individuazione da parte sua di un misterioso elemento di natura sessuale, spinsero Freud ad abbandonare l'ipnosi e a creare un nuovo metodo: la psicoanalisi.
Con la morte di Jean-Martin Charcot (1893) e l'inizio della psicanalisi cominci per l'ipnosi un periodo di decadenza.
Un certo risveglio di interesse per l'ipnosi si ebbe durante la prima guerra mondiale quando con tale metodo si iniziarono a trattare le nevrosi traumatiche di guerra, ma soltanto dopo la seconda guerra mondiale l'atteggiamento della scienza ufficiale nei confronti dell'ipnosi miglior.
In particolare in questo periodo il dottor Milton Erickson (Nevada, 5 dicembre 1901 Arizona, 25 marzo 1980 ), che fu presidente e fondatore della Società Americana di Ipnosi Clinica e membro della Associazione Americana di Psichiatria, della Associazione Americana di Psicologia e della Associazione Americana di Psicopatologia, svilupp un'ipnositerapia chiamata ipnosi ericksoniana, che permette di comunicare con l'inconscio del paziente.
Questo tipo di ipnosi molto simile ad una normale conversazione ed induce una trance ipnotica nel soggetto. Nel 1949 venne fondata negli USA la Society for Clinical and Experimental Hypnosis; e nel 1959 divenne Societ internazionale.
Nel 1957 venne fondata una seconda società l'American Society of Clinical Hypnosis. In particolare nel 1958 l'American Medical Association riconobbe l'ipnosi come legittimo metodo di cura in medicina e in odontoiatria.
Nel 1969 l'American Psychological Association cre una sezione di psicologi che si interessavano prevalentemente di ipnosi.
In Inghilterra, nel 1955 la British Medical Association riabilit ufficialmente l'ipnosi. In Italia la prima Associazione scientifica per lo studio e l'applicazione dell'ipnosi, l'A.M.I.S.I. (Associazione Medica Italiana per lo Studio dell'Ipnosi), si costitu nell'aprile del 1960.
Potenzialità
Sono diverse le potenzialità dell'ipnosi documentate scientificamente. Il soggetto in ipnosi pu modificare la percezione del mondo esterno; può percepire stimoli che in realtà non ci sono e non percepire quelli che sono presenti; può distorcere percezioni di stimoli effettivamente esistenti creando illusioni.
In ipnosi possibile modificare il vissuto sensoriale; il vissuto di schema corporeo e in particolare possibile un controllo del dolore.
Il soggetto in ipnosi pu orientare con facilità la propria introspezione nei diversi settori del suo organismo, pu ampliare o ridurre le sensazioni che provengono dall'interno del suo corpo, può alterare i parametri fisiologici avvertibili come il battito cardiaco, il ritmo respiratorio, la temperatura cutanea.
Con l'ipnosi possibile entrare nella propria storia e variare i criteri di elaborazione dell'informazione in ingresso; possibile modificare i significati che il soggetto ha dato in passato alle sue esperienze fruendo delle alternative che possedeva.
Si possono ottenere dei cambiamenti nella continuità della memoria (amnesie parziali o totali).
inoltre possibile accentuare la possibilità di ricordare; possibile che il soggetto ricordi esperienze anche molto remote.
I meccanismi psicodinamici regolatori del comportamento sono pi accessibili e le resistenze sono pi facilmente superate. In ipnosi variano i parametri di valutazione spazio-temporali e la valutazione critica.
Le emozioni sono una risposta dell'organismo a momenti dell'esistenza.
Mentre nello stato di veglia il controllo volontario delle emozioni pare essere un compito particolarmente arduo, in ipnosi queste possono essere modificate sia nella direzione dell'accentuazione sia nella direzione opposta della riduzione; e vi inoltre la possibilit di passare repentinamente da un'emozione all'altra in relazione ai suggerimenti che vengono impartiti dall'ipnotista.
Attraverso l'ipnosi il soggetto pu apprendere a smorzare la sua risonanza emotiva. Il senso dell'Io pu essere distaccato da un'ampia varietà di tipo di informazioni e situazioni ai quali normalmente applicato.
In un soggetto in regressione d'et l'emergere di un ricordo con tonalità affettiva particolarmente coinvolgente pu essere vissuto non come esperienza propria ma semplicemente come informazione neutra attinta dalla memoria. Il senso dell'Io pu anche essere distaccato dal proprio corpo come avviene per la non percezione del dolore.
In ipnosi esiste la possibilità di alterare la qualità e la quantità del controllo della muscolatura volontaria, della motilità e in particolare di modificare alcune modalità di funzionare del nostro organismo, credute al di fuori di ogni controllo volontario, quali quelle del sistema neurovegetativo, del sistema neuroendocrino e del sistema immunitario.
Tutte le possibilità di comportamento elencate non possono essere ovviamente pensate come realizzabili allo stesso livello da tutti i soggetti, almeno immediatamente, in quanto sono coinvolti predisposizione genetica e tempi di apprendimento.
Le tecniche di gestione dell'ipnotismo, specialmente in ambito terapeutico, sono modificate nel tempo in relazione alla maggior conoscenza e ai diversi criteri di interpretazione del fenomeno. Si transitati dai "passi" di F. A. Mesmer, dalle tecniche che cercavano di indurre rilassamento e sonno, dalle suggestioni dirette alla eliminazione dei sintomi, per giungere con Milton Erickson e altri studiosi alle elaborate tecniche di visualizzazioni guidate e di regressioni di et orientate alla definizione e rielaborazione delle dinamiche inconsce per finalitpsicoterapeutiche.
Le tecniche elaborate nel tempo sono state verbali, gestuali, attive, passive, di tensione, di rilassamento, dirette, indirette, mascherate, esplicite, accompagnate da comunicazioni visive, tattili, sonore e posturali.
Oggi che l'ipnosi non pi solo interpretata come uno stato rigido da ricercare (trance) per poi inserire suggestioni, ma come un modo di funzionare dinamico caratterizzato dall'abilità del soggetto a realizzare ideoplasie (monoideismi plastici) attraverso l'orientamento adeguato della propria rappresentazione mentale, si sono ben definiti i criteri per lelaborazione di tecniche efficaci.
necessario che l'ipnotista abbia ben chiaro e ben definito l'obiettivo da raggiungere, ossia qual l'idea che deve esprimersi plasticamente, qual il comportamento da realizzare e qual la rappresentazione mentale che li definisce in maniera adeguata. L'idea da realizzare deve essere fatta propria dal soggetto con cui si opera perchè possa attivarsi il dinamismo atteso.
Perchè la rappresentazione mentale possa essere espressa in termini fisici e/o di comportamento deve essere "carica della valenza giusta" (credenza, motivazione, aspettative, orientamento e attenzione). Un ulteriore accorgimento, che, ovviamente, l'azione definita dall'obiettivo deve essere di possibile realizzazione per il soggetto in virtù della sua costituzione psicofisica e delle sue potenzialità di apprendimento
Applicazioni
Le fonti pi remote, nelle diverse culture, che fanno pensare all'uso dell'ipnosi in ambito terapeutico illustrano tale impiego prevalentemente rivolto al controllo del dolore, quindi come metodica analgesica.
Da quando l'ipnosi maggiormente conosciuta come modalità particolare del funzionare umano, che pu essere tecnicamente controllata da esperti professionisti, utilizzata in ambito extraterapeutico nello spettacolo, nello sport e nella ricerca, e in ambito terapeutico nelle diverse specializzazioni della medicina, della psicologia clinica e dell'odontoiatria. Viene sempre pi utilizzata con buoni risultati nel controllo delle emozioni (disturbi d'ansia, attacchi di panico, rabbie, tristezze) e delle dipendenze (alcol, fumo, droghe), attraverso le varie forme di psicoterapia e ipnositerapia.
impiegata in ostetricia nella preparazione e nella conduzione del parto, in odontoiatria nelle varie fobie da studio dentistico e come analgesico, in dermatologia nelle diverse forme di malattie psicosomatiche, e negli ultimi anni anche in oncologia come strumento del sostegno psicologico (quando impiegata come tecnica di rilassamento) e nella eliminazione degli effetti collaterali alle diverse terapie quali la nausea, il vomito, l'eccessiva stanchezza e ovviamente nella gestione delle diverse emozioni negative.
Ipnositerapia
L'utilizzo dell'ipnosi nella terapia detta pnoterapia, o meglio "ipnositerapia" (per evitare confusioni con la terapia del sonno) ed un lavoro clinico, ossia si tratta di impiegare lo stato e le dinamiche dell'ipnosi in una strategia terapeutica specifica delle diverse specializzazioni della medicina e delle diverse scuole di psicoterapia. Essa pu essere applicata solo da professionisti abilitati (medici, psicologi e odontoiatri).
Negli USA e nel Regno Unito vi una specializzazione dedicata esclusivamente all'ipnoterapia. In Italia ci sono alcune scuole di formazione post laurea in ipnosi che rilasciano attestati di ipnotista e scuole di specializzazione in psicoterapia ipnotica.
L'ipnositerapia attraverso le sue svariate metodiche, che spaziano dall'intervento diretto sul sintomo a sofisticate strategie di ristrutturazione di credenze e di personalità, pu essere utilizzata da molti specialisti nel contesto delle loro specifiche competenze.
Psicoterapeuti e psichiatri possono impiegare l'ipnositerapia per intervenire nelle diverse forme di nevrosi, nei disturbi somatoformi, nelle diverse dipendenze (alcol, tabacco, droga), nei disturbi sessuali di origine psicogena, nei  disturbi alimentari.
Gli  anestesisti nel controllo del dolore, nella preparazione agli interventi chirurgici e nel post operatorio.
Gli ostetrici e i ginecologi nella preparazione e nella conduzione del parto e nei disturbi ginecologici psicosomatici.
Gli odontoiatri nel controllo delle fobie, delle ansie e del dolore (ipnodontria).
Gli oncologi possono impiegare l'ipnositerapia nelle diverse fasi della malattia, in alcuni momenti sarà ipnositerapia di chiarificazione e di ristrutturazione psicologica di credenze false, in altri momenti sarà ipnositerapia orientata alla gestione delle emozioni, alla realizzazione della calma e al potenziamento del sistema immunitario, in altri momenti ancora sar ipnositerapia di incoraggiamento e orientata al controllo del dolore fisico.
Gli studi in psicobiologia ed in psiconeuroendocrinoimmunologia hanno dimostrato che possibile stimolare la risposta immunitaria per la cura di patologie della pelle e di allergie respiratorie. Ricerche scientifiche dimostrano una risposta immunologica anche nei tumori, con l'aumento dei linfociti T e NK, per solo in via del tutto temporanea, pertanto inutile ai fini terapeutici.
La difficoltà dell'ipnosi nel campo della PNEI stata determinata principalmente dalla difficile standardizzazione dei risultati, e da una ricerca con dei criteri applicativi non rigidissimi.
Nella fattispecie, i risultati ottenuti si differenziano sia in base alla suggestionabilità del soggetto, che alle capacità del terapeuta. Ci comporta che due campioni differenti in termini di suggestionabilità, e due terapeuti differenti in termini di tecnica di induzione e carisma/capacit intrinseche comunicative-relazionali, potrebbero produrre risultati molto differenti.
Ipnosi extraclinica
L'uso delle tecniche suggestive in diversi campi ha prodotto numerose attivit diversamente definite; tra esse:
Ipnosipedia: l'impiego dell'ipnosi nell'apprendimento. il suo impiego finalizzato ad aumentare la concentrazione, a realizzazione monoideismi che esaltino le capacit intellettuali e, attraverso suggerimenti post-ipnotici, possibile rafforzare la personalità ed aumentare la motivazione allo studio.

Ipnosi per lo sport: riguarda tecniche utilizzate per la preparazione psicologica degli atleti in diverse discipline sportive

  • I risultati che si possono ottenere con l'impiego dell'ipnosi con gli atleti sono:

  • 1) il raggiungimento di rilassamento sia muscolare che mentale, il che favorisce il controllo del tono muscolare e dello stato emotivo,

  • 2) il controllo dell'ansia pre-agonistica,

  • 3) il recupero della fatica fisica e mentale.

  • Ipnosi per scopi militari.

  • Ipnosi nei programmi spaziali.

  • Ipnosi da palcoscenico.

  • Ipnosi per lo studio di fenomeni paranormali.

Ipnosi "illegale", applicazioni extracliniche per finalit illecite, solitamente truffaldine.

Autoipnosi
L'autoipnosi la realizzazione dello stato ipnotico su se stessi.
In ambito clinico l'ipnotista impartisce al paziente delle istruzioni particolari affinch apprenda a entrare nello stato ipnotico autonomamente. All'inizio dell'apprendimento, per agevolare la realizzazione della trance, possono essere utili delle audiocassette con la voce registrata del terapeuta. Con l'allenamento e l'esperienza migliora sempre pi l'abilità del soggetto a realizzare l'ipnosi.
L'autoipnosi può essere utilizzata per gli stessi obiettivi per i quali impiegata l'ipnosi eterodiretta. Correzione di comportamenti inadeguati (mantenere una dieta, smettere di fumare ecc.), controllare emozioni (ansie varie), realizzare stati di distensione, terapia regressiva, etc