ABCDEFGH ILMNOPRSTUZT

alternative generali

Vengono chiamati anche i “cinque pilastri della naturopatia”, che sono:
luce (colori) e suoni, acqua, movimento , nutrizione.
Sono usati con diversa valutazione un po' in tutte le medicine popolari naturopatiche su tutto il mondo.
Terapie di luce e suono
Tanti addetti a terapie "spirituali" parlano continuamente di "luce" che non è inteso in senso reale ma in senso "trasfigurato". Qui si parla solo di luce in senso concreto!
Terapie di luce
La luce e il buio regolano la produzione di sostanze psicotrope nell'organismo (Serotonina, Melatonina) e l'assimilazione di vitamina D. Inoltre la frazione ultravioletta è germicida. Le pratiche più divulgate sono:
Bagno di luce (sole): (ben protetto da bruciature) consigliato per provocare l'assimilazione di vitamina D (osteoporosi) e per migliorare i sintomi della psoriasi e altre malattie dermiche.
Doccia di luce, luceterapia: si applica una forte fonte di luce allo scopo di migliorare depressioni invernali, sindrome premestruale
Cromoterapia: applicazione di raggi di luce di diversi colori su tutto il corpo, su zone specifiche (chakras), su punti di riflesso (meridiani); occhiali colorati, bevande colorate, ecc. allo scopo di curare varie malattie.
Terapia con il laser, Laseragopuntura: applicazione di raggi laser con bassa energia su dei punti di riflesso nell'organismo allo scopo di curare varie malattie.
Aurasoma: uso di liquidi acquosi, oleosi e colorati con degli aromi e delle sostanze omeopatiche che servono a stimolare l'occhio e il naso per via transdermale allo scopo di curare vari disturbi neurovegetativi.
Terapie di suono
Musicoterapia: consiste nell'uso della musica o di suoi elementi (ad esempio ritmo e suono) per ottenere obiettivi terapeutici di vario tipo.
Terapie di aria e respiratorie
La respirazione è un processo vitale. Funziona automaticamente. Entro certi limiti è anche controllabile e influenzabile. Su questo fatto si basano delle tecniche respiratorie coscienti che spesso sono più ideologiche che fisiologiche.
Molti terapisti che lavorano con il tatto dedicano attenzione alla respirazione sia conscia che inconscia; adattando il loro ritmo al respiro del cliente, riattivando la muscolatura respiratoria inattiva, dando istruzioni di respiro. Altre terapie usano il respiro cosciente per degli scopi spirituali o per sostegno a esercizi fisici (Prana Yoga e Hatha Yoga), altri ancora per raggiungere degli stati muscolari o emotivi alterati (come il Rebirthing).
Le terapie respiratorie hanno una loro ragione anche nella qualità dell'aria stessa in una certa regione. All'inizio del secolo esistevano delle cliniche in alta montagna per la cura della tubercolosi, poi chiuse o trasformate a causa della quasi scomparsa della malattia. Chissà quando si riprenderà questa tradizione, visto l'aumento delle malattie respiratorie per inquinamento e malattie cardiovascolari (trombi polmonari).
Le pratiche più divulgate sono
Terapie respiratorie di Schmitt, Dürckheim: serie di esercizi respiratori;
Una parte dello Hatha Yoga (postura, movimento) e il Prana Yoga (aria, respirazione): respirazione cosciente sincronizzata con esercizi fisici per raggiungere effetti fisiologici ed emotivi;
Meditazione: spesso respirazione cosciente connessa con determinate posizioni e immagini per raggiungere stati di coscienza alterati; una parte del Training autogeno e del Metodo di distensione Jacobson: respirazione cosciente indirizzata a raggiungere stati di distensione muscolare ed emotiva;
Rebirthing, Regressione: respirazione cosciente forzata per raggiungere un'iperventilazione, degli spasmi muscolari e degli stati di coscienza alterati
Terapie di acqua, calore, freddo
Le tradizionali terapie dell'acqua, frutto di esperienze popolari e studi scientifici svoltesi nel corso dei secoli, sono note come crenoterapia ovvero il trattamento fatto attraverso le acque minerali. Le crenoterapie attraverso l'uso di acqua, calore e freddo servono terapeuticamente per stimolare diversi sistemi ed apparati fisiologici. Le pratiche più divulgate sono le seguenti
Idroterapia, Termoterapie (Kneipp, Hahn, Priessnitz), Balneoterapia: applicazione prevalentemente di acqua a diverse temperature sotto forma di bagni, sauna, getti, impacchi allo scopo di stimolare il metabolismo, la circolazione e il sistema immunitario e di ridurre i dolori. Le origini di questi metodi si perdono nel buio della storia delle culture in tutto il mondo.
Talassoterapia: consiste nell'uso terapeutico di stimoli di varia natura che sono prodotti da ambienti o mezzi marini
Bagni parziali e integrali: ev. con aggiunta di aromi e/o preparati fitoterapeutici, minerali come zolfo, sali. In diverse forme, con cambiamenti di temperatura e/o livello per tutto il corpo, braccia, piedi;
Lavatura fredda: allo scopo di rinforzare i tessuti;
Getti: getto di acqua dolce dalla periferia verso il cuore a temperature variabili. In diverse forme per ginocchio, coscia, addome, braccia, torace, schiena, nuca e faccia. Applicato molto nel metodo Kneipp in tante balneoterapie.
Idromassaggio: uso di getti d'acqua o di aria in una vasca a temperatura corporea ideale per massaggiare;
Sauna, Capanne sudatorie, Bagno turco, Hamam: terapie di tradizioni nordiche, nordamericane, turche, arabe che consistono nel sudare in aria calda e umida, allo scopo di liberarsi da "residui tossici" ev. con susseguente rapido raffreddamento.
Impacchi: con acqua, fango, ricotta, aceto, senape, terra minerale, argilla, fiori di fieno, piante medicinali, ghiaccio, freddi o caldi, al collo, torace, addome, bacino, giunture, stinchi.
Usato nelle balneoterapie e fisioterapie.
Terapie di movimento / postura
Esercizi motori più o meno specifici allo scopo di prevenire, riabilitare, diminuire i disturbi motori e metabolici e i rischi dopo gli attacchi cardiaci. Spesso è una combinazione di movimenti attivi e passivi e di cambiamenti tra il movimento e la posizione. Si applicano le più svariate combinazioni. In certe forme è difficile stabilire il confine tra la terapia, lo sport e certe arti marziali orientali. Altre forme di “esercizi di movimento” si trovano sotto il capitolo “metodi corporei”. Le pratiche più divulgate sono
Terapie di movimento europee e americane: ginnoterapia, fisioterapia, ergoterapia ginnastica correttiva usano esercizi motori come parte integrante delle loro terapie, come pure diverse tecniche “alternative” come:Feldenkrais, Terapia Zilgrei ,Tecnica di Alexander, Metodo Dorn, Trager, Antiginnastica;
Tai Chi, Chi Gong: programmi di esercizi motori della tradizione cinese; Yoga: programmi di esercizi posturali / motori della tradizione indiana (Hatha Yoga).
Alternativa alla terapia di movimento/postura è la terapia posturale che applica le tecniche motorie in sinergia alle tecniche di riequilibrio con stimoli propriocettivi applicabili sui vari recettori del corpo (piede, occhio, vestibolo) ed alle tecniche di posizione forzata
Terapie dietetiche (nutriterapie)
In tempi e regioni di carestia, la nutrizione fu una questione di sopravvivenza; in tempi e regioni ricche, pare che diventi un problema di salute.
In tutti i sistemi medici erano e sono importanti le regole dietetiche per la guarigione e la convalescenza. Ad esempio presso gli Inuit, che in convalescenza non si nutrono più esclusivamente di lardo, carne e pesce (crudo ed essiccato) ma di relativi brodi (molto lussuosi perché richiedono materiale combustibile prezioso).
In medicina accademica si usano delle diete specifiche per correggere delle patologie e aberrazioni metaboliche
In Europa le diete sono utilizzate prevalentemente per motivi di prevenzione, ideologici o per "dimagrire".
Tutte le diete applicate a lungo portano notevoli rischi sanitari (malnutrizione, denutrizione, Digiuno (fisiopatologia)}
per la mancanza di nutrienti elementar
Fabbisogni esistenziali grossolanamente: glucidi min. 120 gr/dì proteine min. 1 gr/kg&dì;

lipidi min. 1 gr/kg&dì,e un contenuto energetico di 30 - 60 kcal/kg&dì secondo l'impegno fisico.
per la mancanza di determinate vitamine e/o sali minerali in prevalente nutrizione "animale" o "vegetale" per squilibrio idroelettrolitico in smisurato consumo di acqua e scarso consumo di sali (sodio, potassio, ...) per il maldigerimento e la malapsorpzione di alimenti prevalentemente crudi per l'esagerata absorpzione di sostanze "difensive" da piante non culinariamente preparate (crude) per contaminizioni microbiologiche in esagerati consumi di alimenti crudi.
(Pare che l'inventore ci abbia dato proprio appetito e sete per regolare i complicatissimi meccanismi digestivi e metabolici e che non abbia previsto professori e profeti di un "alimentazionesana").
Le pratiche più divulgate di dietetica / alimentazione sono
Digiuno: astinenza dal cibo per 3-5 giorni, allo scopo di "disintossicare" e "riequilibrare" le funzioni fisiologiche. Ne esistono diverse forme, a base di acqua, tisane, succhi, siero di latte, brodo di legumi. Spesso combinato con terapie fisiche o devianti
Dieta di Bircher Benner: dieta a base di latte, fiocchi d'avena, mele, succo di limone, bacche, noci e miele; un pasto per saziarsi e due piccoli spuntini al giorno, allo scopo di curare/ prevenire pressoché tutte le malattie;
Dieta di Bruker: dieta a base di prodotti naturali, non elaborati, crudi, allo scopo di curare / prevenire pressoché tutte le malattie;
Dieta di Hay: dieta basata sul principio di non ingerire nello stesso pasto degli alimenti ricchi di carboidrati e di proteine allo scopo di prevenire disturbi metabolici
Dieta di Kollath: dieta basata su alimenti crudi (50%) e alimenti genuini cotti (50%), che sconsiglia alimenti elaborati o isolati allo scopo di prevenire / guarire malattie croniche.
Dieta di Mayr: dieta a base di poco grasso, niente alcool e caffè, niente di crudo, combinato con lassativi, clisteri, grandi quantità di liquidi. Durante disturbi acuti: digiuno, dieta pane/latte, dieta carne senza grasso/legumi, allo scopo di "disintossicare" l'organismo e di prevenire malattie croniche.
Dieta di Schnitzer: dieta intensa a base di piante crude povere di calorie, dieta normale con l'aggiunta di pane integrale, formaggio, latte integrale e latticini, uova, riso integrale e patate allo scopo di curare/prevenire pressoché tutte le malattie croniche.
Dieta di Rezza : a base di crema di riso, agnello e olio extravergine di oliva nei bambini affetti da allergia alimentare.
Diete Basiche: "equilibrio" acido/basico nell'organismo
Monodiete (alimento unico): come ad esempio: solo patate, banane, uva, solo succhi (di frutta e/o verdure) ecc.
Macrobiotica, dieta cinque elementi: originariamente dieta ultrafrugale del buddhismo Zen di Oshawa in base Yin-Yang 5:1 (idealmente solo cereali non lavorati) con pochi liquidi (per stimolare la produzione di succhi gastrici) allo scopo di prolungare la vita. Sistema adattato dal maestro giapponese Kushi alle esigenze europee;